Margherita Caliendo Pittrice

Nata in Svizzera ad Affoltern am Albis Zurigo, nel 1965, dopo gli studi superiori Margherita Caliendo si è laureata alla Accademia di belle arti di Torino.

Nel 2000 ha collaborato alla creazione del Concept della Startup del  “l’Aquilone”, uno dei primi laboratori online d’arte e artigianato, dove ha sviluppato ricerche in vari campi.

Successivamente si è dedicata all’insegnamento, che le ha permesso di avvicinarsi a realtà variegate e di impegnarsi in attività legate al sociale, senza mai abbandonare le ricerche in campo pittorico, presenziando a mostre ed eventi.

Ha esposto, partecipando a concorsi e collettive, in diverse città quali: Torino, Milano, Genova, Bergamo, Roma, Terni, Venezia, Berlino, Montecarlo.

Il Biennio di Specialistica in pittura del 2015, presso l’ Accademia di Belle arti di Torino, l’ha avvicinata alle ricerche contemporanee, aprendole la strada verso l’astrazione.    

Oggi il suo stile guarda all’espressionismo astratto così come ad esempi di informale, in cui il colore ha un ruolo capitale. Il senso del movimento, della luce, il senso di una prospettiva ideale viene offerta dalla sequenza delle pseudo geometrie che si possono intravedere tra i colori e i fili, metallici, sintetici o di cotone.

Le composizioni di recente produzione, presenti alla Mostra personale “La seduzione del segno” del Marzo 2017 a Milano, sono legate a una dimensione astratto-spirituale. Testimonianza d’amore per la vita, nascono da una necessità interiore, dove il gesto, il segno e il colore sono protagonisti.

Attualmente è pittrice presso il proprio laboratorio nelle Langhe&Roeri (Patrimonio dell’UNESCO) e docente di storia dell’arte.